Agordino di malga

Descrizione

Completa il nostro giro alla scoperta dei buoni formaggi bellunesi una sosta presso una delle tante malghe dell’Agordino, territorio compreso tra la Marmolada, le Pale di San Martino e il gruppo del Civetta Moiazza dove Slow Food ha individuato un formaggio degno di particolare cura e attenzione: il Formaggio agordino di malga. Esso infatti è stato inserito nell’elenco delle produzioni da tutelare e da sostenere attraverso i Presìdi.
Tra le famose cime l’alpeggio oggi è praticato in maniera intensiva e questo fatto garantisce una continuità produttiva e una qualità che rendono questo formaggio inconfondibile. Le vacche Brune e le Pezzate Rosse trovano negli alti pascoli una gran varietà di erbe e fiori che si ritrovano poi nel formaggio sotto forma di gusti e aromi di grande pregio. La sua commercializzazione è tutta affidata ai malghesi sia nel periodo dell’alpeggio, quando è ancora fresco, sia a valle dove maturando assume gusti più intensi fino alla stagionatura più spinta quando si sposa egregiamente con la polenta abbrustolita, attorno al focolare, con un buon bicchiere di rosso e chiacchiere.

Ha forma cilindrica, scalzo leggermente convesso di 5-8 cm, diametro di 25-35 cm e dal peso di 3-4 Kg. Pasta compatta, friabile in stagionatura avanzata, colore variabile dal giallo paglierino al giallo intenso, occhiatura presente e spesso irregolare. La crosta è irregolare con colorazione variabile. Il sapore è pieno e marcato, intenso da maturo, a volte con retrogusto di fumo.

Zona produzione
Agordino,Valle del Bios
Latte
Latte vaccino parzialmente scremato
Ultima Modifica: 09/09/2011
Stampa Agordino di malgaInvia a un amico Agordino di malgaChiudi l'elemento Agordino di malga